Mostre

DAVID BOWIE - STEVE SCHAPIRO: AMERICA. SOGNI. DIRITTI MOSTRA FOTOGRAFICA

Archivio di Stato - Torino
01-12-2022 / 26-02-2023
David Bowie

Gennaio è un mese nel quale cadono anniversari importanti per quanto riguarda l’universo David Bowie.

L’8 gennaio 1947 nasceva a Brixton, sobborgo di Londra, come David Robert Jones; il 10 gennaio 2016, due giorni dopo l’uscita del suo ultimo album Blackstar, moriva a New York, lasciando fan e ammiratori attoniti: poche erano infatti le informazioni che circolavano riguardo alla malattia che lo avrebbe portato ad una fine prematura. Nessun funerale e nessuna cerimonia pubblica per l’uomo che aveva fatto di sé stesso, e della sua esposizione mediatica, un’opera d’arte vivente anticipando stili e mode come nessun altro prima di lui.

In gennaio cade anche il primo anniversario della morte di Steve Schapiro (1934-2022), uno dei fotografi più influenti nella storia della cultura popolare americana, una vita spesa a raccontare la sua terra: dall’avvento dei Kennedy passando per l’epopea pop di Andy Warhol e la Factory, dai movimenti per i diritti civili di Martin Luther King Jr. a Mohammed Alì, fino al cinema d’autore per il quale ha lavorato come fotografo di scena in pellicole come Il Padrino, Taxi Driver, Un Uomo da Marciapiede e Apocalypse Now.

Dai loro incontri sono nati gli scatti esposti nella mostra “David Bowie | Steve Schapiro: America. Sogni. Diritti”, all’Archivio di Stato di Torino fino al 26 febbraio 2023, una bellissima occasione per conoscere il momento clou della carriera del cantante attraverso gli scatti del leggendario fotografo.

A metà degli anni Settanta David Bowie riuscì a imporsi anche nel mercato più ampio e difficile da conquistare di sempre. A Los Angeles però, per sua stessa ammissione, vivrà uno dei periodi più bui della sua vita tra abuso di cocaina e ossessione per l’occultismo; ma trovò il modo per uscire da quel tunnel grazie al film “The man who fell to Earth”. In tutte le fasi della sua avventura americana, Steve Schapiro è presente nei momenti salienti e cruciali, anche come fotografo di scena del movie: attraverso la sua capacità di cogliere l’umanità dei soggetti, il visitatore potrà riscoprire quindi non solo l’aspetto più personale di uno dei grandi miti della cultura popolare del XX secolo ma anche addentrarsi e respirare il clima culturale in cui Bowie creava la sua opera. Entrambi gli artisti, infatti, condividevano una particolare sensibilità per quelli che erano i temi sociali dall’epoca, a cominciare dalle lotte per diritti civili degli afroamericani, delle donne e delle persone queer.

Periodo

Giovedì 1 Dicembre 2022 / Domenica 26 Febbraio 2023

Orari

Lunedì:
Chiuso
Martedì:
Chiuso
Mercoledì:
Chiuso
Giovedì:
15:00-19:00
Venerdì:
15:00-19:00
Sabato:
11:00-20:00
Domenica:
11:00-20:00

Prezzo

€ 12,00 Intero
€ 9,00 Ridotto maggiore 65 anni; minore 18 anni; possessori abbonamenti Gtt; possessori di Abbonamento Musei

Ti può interessare anche